"Blogging"

La depressione da agente immobiliare

E’ la settimana prima di Ferragosto, il telefono non suona e la mente è più rilassata, libera di pensare a cose diverse dalla quotidiana routine del lavoro da agente immobiliare…

Sono trascorsi un paio di mesi da quando mi è venuta l’idea di questo articolo, ma ho sempre rimandato, dedicandomi a cose più importanti da fare e comunicare.

Solitamente, cerco di scrivere articoli rivolti al pubblico dei consumatori, alle persone che si rivolgono ad un agente immobiliare per ricevere assistenza per le tematiche relative alla casa. Oggi voglio invece parlare ai miei colleghi e a tutti quelli che nel proprio lavoro stanno attraversando un periodo difficile.

Quest’oggi parlerò della depressione da agente immobiliare.

Ci sono dei momenti, nella carriera lavorativa di tutti gli agenti immobiliari, in cui sembra che questo lavoro non faccia per te. Un insieme di fattori determinano questo stato emotivo: non vendi una casa da parecchio tempo, non hai trattative in corso o acquisizioni di nuovi immobili in vista, il telefono squilla poco, pensi alle trattative che sono naufragate a causa delle tue leggerezze o errori… senti il peso delle avversità che ti stanno capitando.

A mio avviso gli ultimi anni hanno peggiorato questa condizione. L’avvento dei social, in maniera trasversale, ha permesso la connessione delle persone, consentendo a tutti di poter entrare nel quotidiano dei propri amici e conoscenti.  Anche agenti immobiliari, come la maggior parte degli altri utenti di queste piattaforme, utilizzano questi media per ostentare i loro successi e le cose positive che accadono

Vendite mirabolanti, multi proposte per immobili da vendere, incarichi a go go, foto con clienti felici dal notaio etc etc. Questo, ovviamente, enfatizza quel senso di inadeguatezza e di pressione sull’attività dello “spettatore”. Generalmente quando vedo questo tipo di contenuti inizio a farmi domande sbagliate, che portano inesorabilmente alle risposte di cui non ho bisogno:

  • Perché non prendo incarichi? Perché non sono capace
  • Perché non vendo case? Perché non sono bravo
  • Perché la gente non mi chiama? Perché non sono un buon agente immobiliare.

Tutto ciò innesca una spirale auto-distruttiva che porta sempre più in basso e ti trascina nella tua vita lavorativa impedendo di dare una direzione al tuo lavoro.

Se chiedi a qualsiasi marinaio o persona che guida barche nei fiumi ti dirà che la cosa fondamentale da sapere quando guidi una barca a motore in un fiume con una forte corrente, è quello di rivolgere la prua CONTRO la corrente e non il motore. Se metti la barca assecondando la corrente di un fiume, potrai avere il motore più potente di tutti ma la corrente determinerà la tua direzione.

Lo ammetto, spesso mi ci sono ritrovato anch’io in questa situazione. Ti svegli la mattina con il pilota automatico inserito e vai in ufficio, aspettando le telefonate dei clienti, ti organizzi in base a quelle che sono le richieste e non in base a quello che serve a te…

Ecco alcuni comportamenti che metto in atto quando mi ritrovo in questo stato emotivo.

1) STACCA LA SPINA E PIANIFICA

Quando si è in modalità pilota automatico è difficile avere la lucidità per cambiare direzione. Devi trovare il coraggio di fermarti, spegnere il motore, consultare la mappa e riaccenderlo solo dopo che hai individuato la nuova direzione da intraprendere. Prenditi un giorno di lavoro (non sottrarre il tempo libero alla tua famiglia) e lascia fuori tutto ciò che ti può disturbare: mails, telefonate, richieste, messaggini etc etc.

Prendi un foglio bianco e scrivi quali sono le tue priorità per il tuo lavoro e pensa alle attività concrete che devi fare per ottenere quegli obiettivi. Scrivi sulla tua agenda il giorno e l’orario in cui farai quelle attività. Prendi un impegno con te stesso e agisci!

2) PAROLA D’ORDINE: FARE!!

Per uscire da una situazione di impasse, l’unica strategia è rimboccarsi le maniche e darsi da fare. Fai una chiamata in più, parla con più clienti, richiama clienti passati e senti se hanno bisogno di qualcosa, aggiorna la tua banca dati, scrivi le tue sensazioni o i tuoi pensieri su un pezzo di carta (o su un blog) in maniera da concretizzarle ed imprigionarle in un testo facendole uscire dalla tua testa… negli anni ho appreso che l’azione porta sempre ad un risultato, la staticità e la passività invece non porta a niente.

3)  IMPARA A DIRE DI NO

Lo so questa è difficile. Io stesso mi ritrovo a fare spesso e volentieri lo “yes man”, e la vocina nella mia testa è sempre quella:

Se ti rifiuti di soddisfare questa esigenza, il cliente non ti contatterà in futuro quando dovrà vendere la sua casa!

E’ un rischio che bisogna correre, troppo spesso, per gentilezza o spirito di altruismo acconsentiamo a richieste di clienti che sappiamo già essere infruttuose e portano a perdite di tempo deleterie per il nostro lavoro (es. la casa da 100 k messa in vendita a 300). Saper identificare queste richieste e avere la forza di dire “ NO, mi spiace non posso esserti d’aiuto” è un esercizio di forte responsabilità e forza di volontà. Ma ti posso assicurare che ti darà la spinta giusta per quello che è veramente importante per te e ti fa stare bene.

4) CIRCONDATI DI COLLEGHI SINCERI E STACCA I SOCIAL

Non ho mai capito perché gli agenti immobiliari si chiedono l’amicizia fra di loro sui social. A me arrivano richieste da colleghi di regioni lontanissime con cui non ho avuto mai un contatto. Prima di accettare una richiesta di amicizia controlla il profilo di chi ti ha mandato l’invito:

  • Pubblica solo post di quando fa vendite ed incarichi?
  • Si vanta di quante vendite fa in un mese e di quanto è più bravo degli altri?
  • Posta citazioni di Steve Jobs e inni al lavoro duro sempre e comunque?
  • Ha solo foto della sua agenzia o del suo brand nel profilo?

E’ probabile che stai entrando in contatto con un “workaholic” ovvero malato di lavoro, e vorrei ti facessi questa domanda:

entrare in contatto con questa persona ed essere aggiornato sulla sua attività, mi farà sentire meglio o peggio? Sara utile per me?

Se la risposta è NO, allora è il momento di utilizzare il punto 2 che ti ho scritto sopra (anche i piccoli NO aiutano) Fidati, non devi accettare solo per aumentare la tua cerchia degli amici per essere più “popular” non si diventa influencer cosi.

Circondati (anche online) di persone che aggiungano valore a chi le legge, che siano uno stimolo a fare meglio e non solo di più. Spesso fare “meglio” va a braccetto con fare “meno”.

La realtà che vediamo sui social network è uno spaccato molto piccolo (e spesso non veritiero) del nostro lavoro. Il nostro lavoro è fatto di alti e bassi ed è differente per ogni territorio dove si opera.

Ci sono circa 45.000 agenti immobiliari in Italia, poche centinaia (forse meno) sono Top- producer-mega-fatturopatici-milionari-mental-coach. Non possiamo esserlo tutti.

Ho scritto questo articolo come terapia per me stesso, per ricordarmi qual è la realtà dei fatti e non lasciarmi trascinare dalla corrente. Sono sicuro che in futuro avrò bisogno di rileggerlo più di una volta per schiarirmi le idee e proseguire il mio percorso.

Voglio chiudere con una considerazione finale per te che hai dedicato 5 minuti del tuo tempo libero per leggere questo articolo.

Fintantochè farai il tuo lavoro con passione, tutelando i clienti che si rivolgeranno a te, qualificando il nostro ruolo nella società e guadagnando ciò che serve per un’esistenza dignitosa per te e la tua famiglia… starai facendo un ottimo lavoro.

Ricorda: Sei un buon agente immobiliare!

 

P.S: se ti senti giù e sei da solo, lasciami un commento o scrivimi, sarò felice di ascoltare la tua storia 😉

Cerchi una guida per comprare casa?

Inserisci la tua mail e ricevi 14 contenuti settimanali con tutto ciò che c'è da sapere per comprare casa in sicurezza!

Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy

Alessandro Pasqual

Sono un agente immobiliare dal 2009, opero a Verona. Delegato alla comunicazione della FIMAA (Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari) Primo Realtor certificato dalla NAR (National Association of Realtors) in Veneto, mi piace scrivere e lavorare con clienti consapevoli ;)

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Cerchi una guida per comprare casa?

Inserisci la tua mail e ricevi 14 contenuti settimanali con tutto ciò che c'è da sapere per comprare casa in sicurezza!

Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy

Seguimi su FB

Facebook Pagelike Widget

Tweets

Placa la tua sete di conoscenza!!
Iscrivendoti qui sotto, potrai gustare 14 succosissime mails e scoprire tutto ciò che c’è da sapere per comprare casa in sicurezza!!
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy